NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

L'abbronzatura vien mangiando: i cibi che la favoriscono
0.0/5 rating (0 votes)

il Mercoledì, 08 Luglio 2015. Postato in News, Nutrizione, Bellezza

Pomodoro per lenire le scottature, albicocche per favorire l’abbronzatura e menta per capelli da favola: arrivano dal primo mercato agricolo online trucchi e consigli per un’estate al top

L'abbronzatura vien mangiando: i cibi che la favoriscono

Estate è da sempre sinonimo di vacanze, sole e divertimento! E per godersi il meritato riposo e ottenere un’abbronzatura da far impallidire i vicini d’ombrellone, frutta e verdura possono rivelarsi preziosi alleati. Per questo il  mercato agricolo online Cortilia, ha firmato suggerimenti e consigli per tornare a casa con una tintarella degna del sole dei tropici. E per chi è particolarmente sensibile ai raggi solari o non sopporta l’afa, Cortilia ci suggerisce anche alcuni rimedi 100% naturali per un’estate sotto il segno del benessere!

Se è vero che l’abbronzatura vien mangiando, per ottenere una pelle perfettamente idratata, liscia e (soprattutto) dorata, affidarsi unicamente alle creme solari può non bastare: bisogna cominciare dalla tavola dove, oltre a bere molta acqua ogni giorno, Cortilia consiglia di selezionare con cura cibi di stagione ricchi di vitamine e betacarotene.

  • Carote - Le carote si sa, sono universalmente note per essere ricche di vitamina A e Betacarotene che, oltre a favorire l’abbronzatura, proteggono anche la pelle dai segni dell’invecchiamento. È bene quindi farne buona scorta e, perché no, sgranocchiarne qualcuna prima di recarsi in spiaggia.
  • Vitamina A - Se le carote proprio non dovessero piacere ai fanatici della tintarella, pesche, angurie e meloni sono alternative ricche di carotenoidi, i precursori della vitamina A, ideali per promuovere la sintesi della melanina e la conseguente colorazione della pelle. Frutti che possono essere consumati singolarmente o in una golosa macedonia.
  • Albicocca - Vera regina dell’estate, l’albicocca oltre a favorire l’abbronzatura, contrasta i radicali liberi contribuendo ad accelerare il metabolismo e a combattere l’insonnia.

Ma cosa fare, invece, se ci si è addormentati sotto al sole e la pelle manifesta un pericoloso rossore? Anche in questo caso, esistono rimedi in grado di ridurre e lenire i fastidi delle bruciature solari. Tutti naturali.

  • Patate o pomodori - Una fetta di patata, applicata sulla scottatura per 20/30 minuti, è in grado di lenire il dolore rilasciando una piacevole sensazione di freschezza. In alternativa, un valido rimedio è quello di utilizzare una fettina di pomodoro per un sollievo immediato.
  • Melone e cetriolo - Frullando e filtrando la polpa di meloni e cetrioli, si ottiene un composto da applicare sulla pelle con l’aiuto di alcuni batuffoli di cotone. Adatti per le zone più sensibili (viso e decolté) questi impacchi hanno proprietà rinfrescanti e alleviano il dolore della scottatura. Provare per credere.
  • Aceto di Mele - Per dare sollievo alla pelle che pizzica a causa di un’esposizione al sole troppo prolungata, un vero toccasana è una vasca di acqua tiepida in cui è stato disciolto un bicchiere di aceto di mele.

Il caldo vi piace, ma l’afa vi rende intrattabili? Vi sentiti deboli e spossati e anche passeggiare sul bagnasciuga si rivela un’impresa titanica? E cosa fare quando la salsedine rischia di rovinare chiome morbide e fluenti, vanificando mesi di sedute dal parrucchiere? 

  • Menta. Per proteggere i capelli dal sale e dai raggi solari, non è indispensabile ricorrere ad antiestetiche cuffie e cappellini. Basta invece applicare all’occorrenza una maschera, preparata mescolando un trito di foglie di menta, un cucchiaio di aceto di mele e tre bicchieri d’acqua a temperatura ambiente. Il composto, fatto macerare per 30 minuti, va poi applicato sui capelli umidi e lasciato agire per 20 minuti.
  • Sedano. Povero di calorie e ricco d’acqua, il sedano è perfetto in estate, perché contribuisce a regolare la pressione sanguigna, che con il caldo tende a scendere causando debolezza, giramenti di testa o piccoli mancamenti. E non tutti sanno che il sedano è un ingrediente perfetto per preparare freschissime e pratiche acque aromatizzate: una versione semplice e gustosa prevede l’immersione in un litro d’acqua di due spicchi di mela verde, un gambo di sedano e qualche pezzetto di melone.
  • Zucchine. A bassissimo contenuto calorico, sono composte per il 95% d’acqua e rappresentano quindi un ottimo alleato contro la disidratazione. Non solo: sono anche un’ottima fonte di minerali (tra cui potassio, ferro, calcio e fosforo).

Questi sono i consigli generali per preparare la pelle al sole ma sappiamo bene che ognuno prende il sole a modo suo. C'è chi si sdraia sul lettino tutto il giorno, chi gioca a beach volley o non sta mai fermo: ma sia le “lucertole” che le “gazzelle” hanno comunque qualcosa in comune, rischiano che il sole selvaggio, la  salsedine e il vento provochino spiacevoli effetti sulla pelle, che vanno dagli eritemi alle rughe profonde fino all’aumento del rischio di danneggiare il Dna cellulare, predisponendo ai tumori cutanei. Per difendersi dagli effetti dell'overdose di sole e di vento anche l'Associazione Assolatte ha stilato un vero menù per salvare la pelle adatto a ogni tipo di vacanzieri. 

Leave a comment

You are commenting as guest.