NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Troppo sale accelera il processo di invecchiamento
0.0/5 rating (0 votes)

il Martedì, 29 Luglio 2014. Postato in News

Le persone obese o in sovrappeso che seguono una dieta ad alto contenuto di sale hanno i telomeri, implicati nel processo di riproduzione delle cellule, più corti

Noto per aumentare la pressione del sangue, che può portare ad attacchi cardiaci fatali e ictus, è la prima volta che gli scienziati collegano il sodio all’ invecchiamento cellulare.

I ricercatori hanno scoperto che gli adolescenti in sovrappeso o obesi che avevano una dieta ad alto contenuto di sale avevano telomeri più corti (i cappucci di protezione alle estremità dei cromosomi) - rispetto a coloro che seguono una dieta iposodica.

I telomeri sono stati paragonati alle punte di plastica che fermano i lacci delle scarpe e ne impediscono lo sfilacciamento. Ogni volta che una cellula si divide (riproduzione cellulare per rimpiazzare le cellule invecchiate o che sono morte)  i telomeri si accorciano, e quando diventano troppo corti la cellula smette di dividersi e muore.

Lo stesso processo genetico è stato collegato anche alle malattie cardiache, al cancro, al diabete di tipo 2 e la demenza.

Gli alti livelli di grasso corporeo erano già noti per accelerare l'accorciamento dei telomeri.  Ma il nuovo studio ha trovato che il sodio nel sale sembra lavorare mano nella mano con l'obesità per accelerare ulteriormente l’effetto.

Il Dr Haidong Zhu, dalla Georgia Regents dell'Università di Augusta, Stati Uniti, ha dichiarato: "Anche in questi giovani, possiamo già vedere l'effetto dell’ elevata assunzione di sodio, suggerendo che l'assunzione di sodio e l'obesità possono agire in sinergia per accelerare l'invecchiamento cellulare.

"Abbassare l'assunzione di sodio, soprattutto se si è in sovrappeso o obesi, può rallentare il processo di invecchiamento cellulare che svolge un ruolo importante nello sviluppo di malattie cardiache. La maggior parte del sodio nella dieta proviene da alimenti trasformati; i genitori possono aiutarei loro figli preparando pasti freschi più spesso e offrendo frutta piuttosto che patatine fritte per uno spuntino."

Leave a comment

You are commenting as guest.