NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Panettone e frutta secca: in linea con gli avanzi di Natale
0.0/5 rating (0 votes)

il Domenica, 03 Gennaio 2016. Postato in Nutrizione, Calorie

La frutta secca fa ingrassare? Il panettone va a finire tutto sui fianchi? No, se si seguono i consigli giusti per un'alimentazione funzionale

Panettone e frutta secca: in linea con gli avanzi di Natale

Alzi la mano chi non ha dopo Natale dei panettoni e della frutta secca avanzati. Nella speranza che abbiate seguito i consigli di Corporesano per non accumulare chili di troppo durante le Festività, ecco qualche consiglio in più per utilizzare in maniera astuta per la linea e senza sprechi gli avanzi.


La frutta secca fa ingrassare?


Non sono certo le mandorle o le nocciole il pericolo numero uno per la linea, ma gli altri ingredienti delle ricette o la combinazione con gli altri del pasto in cui sono usate. Zucchero e farina nei dolci, salse agrodolci e grassi animali aggiunti alle ricette salate.  Ecco, invece, una maniera intelligente di consumare la frutta secca nell’arco della giornata:
A colazione: 50 g di pane tostato con 4 o 5 noci oppure con 10 mandorle, invece del solito pane e marmellata, che è più zuccherino e sazia meno
• oppure •
A metà mattina: 10 mandorle come spezza fame al posto di snack ricchi di carboidrati o zuccheri
• oppure •
A metà pomeriggio: 10 mandorle associate a un frutto fresco (2 albicocche oppure 1 kiwi)
• oppure •
Dopo cena: 10 mandorle dopo cena davanti alla tv, invece di sgranocchiare qualche biscotto, per assumere una piccola quota proteica senza zuccheri e grassi vegetali insieme a potassio, calcio, magnesio e litio, dall’azione sedativa e calmante.
Via libera quindi al kebab, ma come sempre usando un pizzico di furbizia.

Il Panettone? Si, ma a colazione


Da qualche anno il panettone, da specialità prevalentemente milanese o nordica, ha conquistato la ribalta nazionale e internazionale. Dal momento in cui si tratta comunque di un dolce, la domanda è come ci dobbiamo comportare volendo rispettare i principi generali di un'alimentazione funzionale.

Il panettone equivale ad una fetta di pane e marmellata, ad un piatto di pasta o ad una piccola pizza. Per fortuna in commercio se ne trovano sempre di più di dolci invenzioni come il panettone senza zuccheri aggiunti per soddisfare nuove abitudini e stili di vita. Noi della redazione abbiamo scelto la versione bio e integrale di Galup. Nell’impasto viene utilizzata farina di grano non raffinato, che conserva intatte le sue migliori proprietà nutritive, particolarmente preziose per l’equilibrio e il benessere dell’organismo. Un panettone ricco di fibra per i salutisti più attenti e tutti gli amanti del gusto e dei sapori inconsueti.

Il vostro com’è? Classico? Allora Si a Colazione, no a fine cena o con altri carboidrati.

 


Con la collaborazione della dottoressa Sara Farnetti, specialista in Medicina Interna e PhD in fisiopatologiadella nutrizione e del metabolismo.

Leave a comment

You are commenting as guest.