NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Cibo e lavoro: come e cosa mangiamo influenza la performance
0.0/5 rating (0 votes)

il Giovedì, 17 Dicembre 2015. Postato in Nutrizione, Salute, Scienza alimentare

Quello che mangiamo influisce sul nostro modo di lavorare. L'azione sinergica degli alimenti associati ad ogni pasto libera ormoni che determinano l'insorgenza di disturbi o accumulo di grasso.

Cibo e lavoro: come e cosa mangiamo influenza la performance

C’è una stretta relazione che tra cibo e performance lavorativa. Come e cosa mangiamo influisce sulla concentrazione, sulla memoria, sulla capacità di reazione allo stress e anche la qualità della vita personale ne risente, beneficiando o soffrendo del nostro regime alimentare. Il tema è oggetto anche di un corso universitario all'Università Luiss di Roma coordinato della dott.ssa Sara Farnetti, specialista in Medicina Interna e PhD infisiopatologia della nutrizione e del metabolismo.


Dott.ssa Farnetti, come il cibo è correlato alla performance lavorativa e come occorrerebbe nutrirsi per migliorare le nostre prestazioni cognitive?

Con il cibo è possibile migliorare sensibilmente l’efficacia e l’efficienza del nostro agire e pensare quotidiano.Ciò avviene spesso nella inconsapevolezza o scarsa conoscenza delle azioni correttive da attuare per rimediare ad un malessere o alla scarsa prestanza fisica e mentale. Non esistono alimenti che fanno male o bene, in generale. È l’azione sinergica degli alimenti, associati ad ogni pasto, a liberare gli ormoni che determinano l’insorgenza di disturbi, patologie e anche l’accumulo di grasso. Mangiare troppi carboidrati (pizza, pasta, frutta ,dolci, significa aumentare l'insulina, un ormone che agisce facendo depositare grasso sull'addome e aumentando la sensazione di fame.


C’è un tipo di alimentazione che  rende più “intelligenti” ?

Capire qual è la combinazione dei cibi più adatta per ciascuno è la chiave dell’ alimentazione ottimale, per prevenire e guarire, aggiungere giorni alla vita e vita ai giorni.

Ad esempio?

A colazione serve più la stabilità glicemica che non troppa energia. Meglio pane e noci che pane e miele; si al cioccolato con molto cacao, almeno l'80% con il caffe ma non al succo di frutta dopo cappuccino e cornetto . La frutta contiene fruttosio e glucosio. il fruttosio è il responsabile dell’ accumulo di grasso nella cellula del fegato (steatosi) e dell'aumento dell’acido urico che è legato all'aumento del rischio di ipertensione arteriosa .


Il caffè è nemico o amico della concentrazione?

Il caffè aumenta il tono nervoso e la concentrazione attraverso l'azione facilitata della noradrenalina e adrenalina, è benefico per il cervello anche come protezione dal Parkinson e Alzheimer e dopo un ictus.
La dose assiale giornaliera di caffeina è di 300 g per un adulto , cioè 3 caffè americani oppure 200 ml di espresso pari a 8 -12 tazzine, eccessive perché la caffeina permane in circolo 7-8 ore quindi è inutile abusare. Seguendo i bioritmi giornalieri , è funzionale una prevalenza di proteine a pranzo tipo carne o pesce con verdure, poco pane e frutta ; cena con carboidrati che fanno dormire bene e verdure ma senza frutta ne pane. Al massimo un bicchiere di vino rosso.
Per condire e cucinare olio extra vergine di oliva a crudo: non fa ingrassare , sazia, detossifica, rende più digeribili i cibi cotti , anche in padella.
Nulla è proibito, gli alimenti comunemente ritenuti nemici della salute possono diventare alleati: migliora la qualità di vita e la performance sul lavoro ne trae enorme vantaggio.


Come?

E’ necessario utilizzare un approccio sistemico, metabolico e multi-funzionale, che insegna a scegliere, preparare ed associare gli alimenti sulla base del funzionamento degli organi e delle esigenze specifiche del manager. Il segreto? Un mix furbo degli alimenti che mettiamo nel piatto, perché ogni pasto è un nuovo progetto ormonale.

L'Autore

Annabella D'Argento

Giornalista, volto televisivo di Class TV e 7Gold, scrive per diverse testate come Gazzetta dello Sport. Milanese di adozione ma pugliese a tutti gli effetti.  Appassionata di fitness e alimentazione (Certificata personal trainer  ISSA EUROPE) ama cucinare per gli amici, viaggiare e i gatti, in particolare il suo simpaticissimo ragdoll. Twitter @naby82

Annabella D'Argento

Leave a comment

You are commenting as guest.